•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La scuola

La scuola di In Flow nasce dalla passione comune di un danzatore e una scrittrice: Remo Rostagno e Rosella Denicolò.

Nasce da un’estetica comune e dal bisogno profondo di conoscere il corpo umano da dentro e da fuori e di sperimentare il dialogo più fine che il corpo intrattiene con l’universo.

CONTINUA

NEWS

  • La quarta fase dell'Acqua

    inflow la quarta fase acqua

    La teoria della quarta fase dell'acqua di Gerald Pollack ci apre a una nuova comprensione dell'acqua e del corpo umano. Essenziale per il nostro lavoro in Biodinamica. Ce ne parla John Chitty che ha recensito il libro di Pollack, The Fourth Phase of Water. Traduzione di Remo Rostagno.

    “Questo è un libro spettacolare, assolutamente da leggere per tutti coloro interessati alla scienza che sta dietro alla cosiddetta "medicina energetica", alle nuove ricerche sull'acqua e alle potenziali applicazioni al contesto biodinamico.

    Leggi tutto...
  • Cinque meditazioni sulla bellezza

    inflow cheng blog

    "Quando, di fronte ad uno spettacolo della natura - un albero in fiore, un uccello che spicca il volo emettendo il suo grido, un raggio di sole o di luna che illumina un attimo di silenzio - improvvisamente ci si ritrova dall’altra parte, si oltrepassa allora il velo dei fenomeni e si ha l’impressione di una presenza che procede da sé e ritorna a sé, intera, indivisa, inesplicabile e tuttavia innegabile, come un dono munifico che fa si che tutto sia presente, miracolosamente presente, diffondendo una luce che ha il colore dell’origine, intonando dolcemente un canto primordiale che va da cuore a cuore, da anima ad anima."

    (François Cheng, Cinque meditazioni sulla bellezza)

the founders

Rosella

Rosella Denicolò

Presidente e fondatrice di inFlow, docente di Craniosacrale, Mindfulness e Anatomia Esperienziale

Mi piacciono le parole che si radicano in un ascolto profondo, in una relazione da Essere a Essere.

Remo

Remo Rostagno

Fondatore di InFlow, direttore didattico di Craniosacrale, docente di Anatomia Esperienziale

L'accoglienza non è un atteggiamento che si improvvisa. Ha radici in tutto un modo di essere e di sentire.